Pagina Iniziale » GENTILUOMO STRAORDINARIO E CAMERARIO PRIVATO

GENTILUOMO STRAORDINARIO E CAMERARIO PRIVATO

by Resolute John Florio

GENTILUOMO DELLA CAMERA REALE PRIVATA

¶ JOHN FLORIO A CORTE

Con l’ascesa a corte di Giacomo I John Florio inizia un nuovo capitolo della sua vita. I suoi patroni erano ora favoriti, e Sir Robert Cecil esercitava una maggiore influenza rispetto a prima. Certamente, egli potrebbe essere stato determinante nel far ottenere a John Florio la sua nomina a corte. John Florio ora viveva a corte, ricoprendo una posizione prestigiosa al centro del potere. Dal 1604 alla morte di Anna nel 1619 ebbe un reddito sicuro, e la sua vita era su un corso più stabile. Probabilmente doveva la sua nomina a una serie di fattori: il patrocinio di Robert Cecil, il diffuso rispetto per il suo lavoro, e le capacità diplomatiche acquisite presso l’ambasciata francese, e con i suoi studenti aristocratici che gli hanno permesso di prosperare sotto regni diversi.

JOHN FLORIO A CORTE: LA REGINA ANNA

Nel corso dei successivi quattrocento anni, la regina Anna “è stata ignorata e persino denigrata per tutto il ventesimo secolo, spesso da storici poco affidabili”1 . Nonostante alcuni di loro l’abbiano tristemente liquidata come una regina leggera e vana, 2 Anna di Danimarca, era invece politicamente astuta e molto attiva. La sua indipendenza e, soprattutto, le sue innovazioni a corte la resero una mecenate fondamentale delle arti durante l’età Giaominiana. Usò l’intrattenimento e i balli in maschera di corte per scopi politici, svolgendo così ruoli sia politici che culturali:

“Il ripristino dell’importanza di Anna per la cultura e la politica inglese è ben avviato. Mentre la traiettoria del reintegro storico di Anna é iniziato con il suo coinvolgimento nella creazione dei balli in maschera di corte Giacominiani, per Leeds Barroll il progetto é quello di recuperare la sua influenza culturale e politica diffusa.”

Frye, S., Anna di Danimarca, cit.

Riconoscendo che queste caratteristiche della cultura hanno ramificazioni politiche ha aperto la porta a nuovi significati dei balli in maschera di corte 3 così come cambia il ruolo fino ad ora inteso di John Florio, il più importante confidente e collaboratore della regina.

JOHN FLORIO A COURT: GROOM DELLA CAMERA PRIVY E SEGRETARIO PERSONALE ALLA QUEEN
De Critz, John; Anna di Danimarca (1574-1619), Regina Consorte di Giacomo I; Servizio Musei Colchester e Ipswich;

JOHN FLORIO A CORTE: GENTILUOMO DELLA CAMERA REALE PRIVATA E SEGRETARIO PRIVATO DELLA REGINA

Quali erano gli impieghi di John Florio e la sua influenza con la regina a corte, traspare da vari documenti ufficiali. In primo luogo, divenne lettore di Italiano della regina Anna e gentiluomo della sua camera reale privata. In un documento datato marzo 1619 c’è una lista di “Gentiluomini della Camera Reale Privatadella regina Anna con la durata del loro servizio e gli importi del loro stipendio annuale. In questo documento é attestato che Florio ha lavorato per quindici anni con uno stipendio di cento sterline l’anno. Questo fa sì che il 1604 sia l’anno in cui John Florio ha iniziato il suo servizio a corte.

LO STIPENDIO DI FLORIO

Lo stipendio di un gentiluomo della camera reale era di sessanta sterline l’anno. Lo stipendio più alto di Florio sembra essere dovuto alle sue funzioni aggiuntive di lettore in Italiano e segretario privato della Regina. 4 Inoltre, le scriveva le sue lettere e incontrava persone per lei. Oltre al suo principale ruole accanto alla regina, John Florio fu anche tutore in italiano e francese del principe Henry a corte.

John Florio é menzionato in questa lista inviata a George Carew degli stipendi concessi dalla Regina al suo staff reale. (NLS MS 2066)

L’AMORE DELLA REGINA ANNA PER LA CULTURA ITALIANA

L’interesse per la cultura italiana fu il primo motore costante del patrocinio di Anna. Questo è particolarmente visibile non solo nelle sue attività culturali, ma anche nel patrocinio di John Florio. Gli diede un ruolo centrale di primo piano a corte, sia legato agli affari politici diplomatici che nell’intrattenimento di corte.

I LIBRI ITALIANI DI FLORIO

La regina acquistava regolarmente libri da Florio, molti dei quali erano in Italiano. Nel 1605, ad esempio, Florio diede alla Regina una copia delle Storie Italiane di Matteo Bandello e ricevette 6,14 sterline. Inoltre, le diede due dizionari, due dialoghi in italiano e inglese, così come altri manoscritti. Più tardi, il 22 febbraio 1607, la regina pagò Florio una sontuosa copia di 4 sterline della “Bibbia italiana per sua Maestà” e per una copia di ‘Plutarches lives in English’. 5 Inoltre, nel 1608 Florio acquistò una copia di Plutarco in francese e una in inglese per la regina e sua figlia.6

LA CONOSCENZA DELLA REGINA ANNA DELL’ ITALIANO

Ulteriori prove della conoscenza di Anna in italiano si trovano in una lettera scritta in Italiano al diplomatico danese Jonas Charisius. Un’altra prova si trova nelle testimonianze degli ambasciatori di Venezia Foscarini e Correr. Essi sostenevano che, in risposta al dono di Cristiano IV del gioiello “C4” nel giugno 1611:

“La Regina rispose in Italiano, di sua mano, augurandogli ogni successo, dichiarando che non desiderava altro che vedere la crescita della sua gloria e del suo Stato 7

JOHN FLORIO A CORTE: AFFARI DIPLOMATICI

FLORIO & OTTAVIANO LOTTI

Dai dispacci di Ottaviano Lotti, rappresentante del Granduca di Toscana a Londra, sappiamo che John Florio ebbe un ruolo importante e confidenziale con la Regina a corte:

“… e non so se è per caso che questo Florio, che è con la regina tutto il giorno insegnandole la lingua italiana e sentendola parlare di qualsiasi cosa e le scrive le lettere più segrete, ha detto alla Principessa, “Madame, Vedrò Vostra Altezza Reale trasformata in Regina un giorno”. E la principessa gli promise un grande dono, e aggiunse: “Chi pensa che sposerò un Principe che non è assoluto si sbaglia”.

Ottaviano Lotti, Archivio di Stato, Firenze. Archivio Mediceo, 4189.

Questo getta una luce sulla posizione di Florio con la Regina. Si è scoperto quindi che era molto più importante di quanto finora sia stato solo ipotizzato. Dimostra anche che Florio sapeva come fare uso delle sue orecchie. 8 Lotti fu uno dei tanti emissari che visitavano la corte inglese per cercare di negoziare incontri matrimoniali con i figli reali. E tutti dovevano fare i conti con Florio prima di poter sperare in un’udienza con la Regina. Lotti ha anche riferito di aver avuto qualche difficoltà a ricevere la regina a Greenwich. Voleva partecipare agli affari matrimoniali di Charles, e lo ottenne attraverso Florio:

“Ho conquistato Florio offrendogli una cena e presentandogli una pipa di tabacco, cose che usano…”

Ottaviano Lotti

JOHN FLORIO – NICOLO MOLINO

Scrivendo al Doge e al Senato nel 1607, Nicolo Molino, l’ambasciatore veneziano in Inghilterra, affermò che la regina Anna di Danimarca:

“Ama il godimento ed è molto appassionato di danza e di feste. Lei è intelligente e prudente; e conosce i problemi del governo.”

La sintesi di Molin della regina consorte inglese fa un’osservazione cruciale: Anna era culturalmente attiva e politicamente rilevante. Il rapporto tra Molino e Florio è indicato in una lettera datata Agosto 1605 7/17 9in cui informa Florio che agli aveva inviato alcune risposte che lo stesso Molino in seguito inviò in Scozia come ordinato dal segretario della regina Robert Cecil. Probabilmente il compito di Florio in questo caso era quello di tradurli, come suggerito da Miss Yates, la quale sottolinea inoltre come nel 1607 Florio lavorasse ancora presso l’Ambasciata di Francia. Probabilmente rispondeva alle lettere indirizzate a lui e le traduceva.

JOHN FLORIO & SCARAMELLI: SCAMBIO DIPLOMATICO TRA LONDRA E VENEZIA

Florio era anche in stretto contatto con Giovanni Carlo Scaramelli, segretario della Signoria. Scaramelli fu nominato alla fine di dicembre 1602 per portare l’attenzione di Sua Maestà sulla pirateria inglese nel Mediterraneo che era cresciuta fortemente. Scaramelli era un agente che lavorava come emissario e ambasciatore per presentare denuncia alla Regina. Fu testimone della morte di Elisabetta I e dell’incoronazione di re Giacomo. Durante il suo soggiorno a Londra inviò informazioni e aggiornamenti in Italia. Venezia conosceva l’Inghilterra da ciò che Scaramelli scriveva dell’Inghilterra. Tre lettere dell’Archivio Nazionale (Londra) datate aprile e settembre 1603, testimoniano l’amicizia di Scaramelli con Florio. Il rapporto di Florio con Scaramelli fu importante in quanto determinava il rapporto politico tra Venezia e Londra.

FLORIO & HENRY WOTTON

Un’altra figura politica in questo contesto è Henry Wotton, che fu nominato ambasciatore veneziano nel 1604. Wotton inviò regolarmente dispacci a Londra, diffondendo informazioni ai responsabili politici e, quando le informazioni trapelavano nel pubblico dominio, arrivavano anche ad un vasto pubblico, compresi i drammaturghi. 10Inoltre, lo scrivano di Wotton a Venezia era lo stesso Scaramelli. Fu considerato il Veneziano che ne sapeva di più in prima persona dell’Inghilterra per poter raccontare l’Inghilterra a Venezia. Questa collaborazione diplomatica tra Londra e Venezia, gli agenti/ambasciatori Wotton e Scaramelli, aveva John Florio come punto centrale e collegamento cruciale tra i due mondi. 11

JOHN FLORIO & GIUSTINIAN

Giustinian fu ambasciatore di Venezia a Londra dal gennaio 1606 al 1608. Conosceva personalmente Florio e mantenne i contatti con lui anche dopo la sua partenza. Ci sono diverse lettere che dimostrano l’amicizia di Florio con Giustinian. Uno scritto nell’ottobre 1609 quando era già tornato a Venezia12Il secondo scritto nel luglio 160813 quando l’ambasciatore andò a vedere Pericle al Globe.

PERICLE

Nel mese di luglio, infatti, insieme al segretario di Firenze Ottaviano Lotti, all’ambasciatore francese Antoine de la Broderie e a sua moglie, Giustinian tenne una festa sopra la sala dei gentiluomini del teatro. Pagò più di 20 corone come biglietto d’ingresso per se stesso e i suoi ospiti. De La Broderie arrivò a Londra il 6 maggio 1606 e non partì fino al 13 novembre 1618. A causa della peste, i teatri furono chiusi da luglio a dicembre 1606 e per tutti i 1607 tranne una settimana di aprile e fine dicembre. I teatri riaprirono da aprile a metà luglio 1608. Ciò significa che il gruppo avrebbe potuto partecipare allo spettacolo solo da aprile a metà luglio 1608. 14

“Al suo amato padre, e degno amico, Signor John Florio: l’aiuto delle sue Muse.”

JOHN FLORIO A CORTE: BALLI IN MASCHERA & MUSICA

FLORIO & MUSICA

Un altro compito di Florio a corte era quello di incontrare e selezionare musicisti, spesso italiani, che erano alla ricerca di un lavoro a corte. Ottaviano Lotti, per esempio, nel 1606 chiese a Florio di aiutare con la sua influenza un musicista, che desiderava ottenere un impiego a corte. Organizzarono una cena-festa con l’idea di indurre Florio a presentare il musicista e la sua lira a corte. Questo dimostra non solo un altro risultato che Florio ha aggiunto nella sua carriera, ma anche un altro talento: la sua competenza musicale.

BALLI IN MASCHERA DI CORTE

Allo stesso modo, insieme a Inigo Jones, Ben Jonson e al suo amico di lunga data Samuel Daniel, Florio prese parte alla produzione dei balli in maschera a corte a cui la regina Anna stessa prese parte sei volte. 15 I masque di corte sono stati un’importazione culturale italiana, associata principalmente ai matrimoni durante il periodo elisabettiano. Il masque inglese come intrattenimento di corte organizzato dai nobili fu invece un’innovazione della regina Anna:

“I masques erano una forma artistica complessa che aveva il potenziale per fare dichiarazioni sia culturali che politiche. […] Erano una forma di teatro di stato, che viene descritto da Clifford Geertz come “teatro metafisico… progettato per esprimere una visione della natura ultima della realtà e, allo stesso tempo, per plasmare le condizioni di vita esistenti per essere in sintonia con quella realtà; cioè, teatro per presentare un’ontologia e, presentandola, per farla accadere, renderla reale.”

. Politics and Culture at the Jacobean Court: The Role of Queen Anna of Denmark, Quidditas, 2008
Thomas Courtney
008

FLORIO, GLI AMBASCIATORI E I BALLI IN MASCHERA DI CORTE

  Il pubblico contemporaneo era vario. Comprendeva membri della nobiltà inglese, cortigiani, ambasciatori e stranieri in visita a corte. Attraverso John Florio, queste figure cercavano un’udienza con Anna in uno dei suoi palazzi, o partecipavano a banchetti, cerimonie ufficiali, un masque di corte o un pranzo semi-pubblico che riuscivano ad ottenere, o al quale erano presenti. 16 In questo contesto, la regina Anna fu un importante mecenate del teatro Giacominiano attraverso la sua partecipazione e divulgazione del masque di corte, e John Florio una figura centrale che ebbe un ruolo strumentale sia con gli ambasciatori che con la disposizione degli intrattenimenti di corte. Descrivendo lo “splendore dello spettacolo” del Masque of Beauty di Ben Jonson, l’ambasciatore Giustinian dichiarò che:

“È stato un miracolo … ma ciò che mi ha sorpreso più di tutto, e forse ha superato le aspettative del pubblico, è stata la ricchezza di perle e gioielli che adornavano la Regina e le sue donne, così abbondante e splendida che secondo l’opinione di molti nessun’altra corte avrebbe potuto mostrare tali ricchezze. 17

MASQUE DI CORTE PER OBIETTIVI POLITICI

Gli ambasciatori stranieri videro questi inviti ai masque della Regina come speciali segni di favore mostrati loro dalla monarchia.  Per citare un esempio, un ambasciatore francese si sentì offeso per diverse settimane quando l’ambasciatore spagnolo fu invitato ad un masque e lui no. 18 Nei masques di Anne, tutti i principali nobili e ambasciatori si aspettavano di essere tra gli ospiti e gareggiavano per ottenere un invito. Il 27 gennaio 1605, Molino scrisse al Doge che assistette ad un masque “che era molto bello e sontuoso” 19Due settimane prima, Ottaviano Lotti, il 10 gennaio, commentò un masque della Regina che fu messo in scena la notte dell’Epifania:

“C’é molta più magnificenza e inventiva rispetto all’altro [il matrimonio di Susan De Vere] . Inoltre è stato messo in scena in una stanza più grande, più ornata, con un così gran numero di nobili, che lo ha reso molto bello da vedere.” 20

Questo nuovo modo di organizzare sontuosamente intrattenimenti di corte, principalmente legati alle relazioni politiche, è stato introdotto dalla regina Anna. E aveva John Florio, il suo primo e più importante confidente, come intermediario che svolse un ruolo centrale in entrambe le parti.

JOHN FLORIO e MATTHEW GWINNE: THREE SYBILS

Nel 1605 Giacomo I e la regina Anna di Danimarca visitarono Oxford. Al Magdalen College, l’amico di lunga data di John Florio Matthew Gwinne organizzò uno spettacolo teatrale con gli studenti del college. Lo spettacolo, intitolato Vertumnus sive annus recurrens, è la storia delle Tre Sibille. Esse appaiono salutando Banquo che dovrà diventare “non solo un Re, ma il padre di molti Re”.

“Tre sibille ora nel nome dell’Inghilterra e dell’Irlanda salutano il re di Scozia così compiendo la vecchia profezia.”

Le tre Sibille si unirono per dare il benvenuto ad Anna, alla sorella, alla figlia del re e ai Principi. Il re fu molto contento dell’allusione al suo antenato Banquo, e qualcuno presente fu ispirato a portare avanti l’idea. 21

JOHN FLORIO, BEN JONSON & NICHOLAS BRETON

L’importanza e l’influenza che la reputazione di Florio e la sua posizione a corte gli diedero sono comprovate dal fatto che i libri erano ormai dedicati a lui. Queste dediche rivelano che ebbe una certa amicizia durante questi anni con Nicholas Breton, Ben Jonson e Thomas Thorpe. Nicholas Breton gli ha dedicato A Mad World My Masters (1603) e la dedica è:

“Al mio Vero, amorevole, e approvato buon amico, l’amante di tutte le virtù e operoso nei buoni studi, Signor John Florio, perfetto lettore della lingua Italiana.”

Nicholas Breton

Breton sembra dovergli qualche debito di gratitudine per alcuni favori del passato. Infatti, parla dei “tuoi molti cari favori immeritati22. L’amicizia di John Florio con Ben Jonson è di grande interesse e importanza. È ben provata da un’iscrizione scritta a mano da Ben Jonson sul foglio di una copia del Volpone che ora si trova al British Museum:

“Al suo amato padre, e degno amico, il signor John Florio: L’aiuto delle sue Muse. Ben: Jonson sigla questa testimonianza di amicizia, e Amore.”

Ben Jonson
JOHN FLORIO A COURT: BEN JONSON GRAZIE PER IL SUO AIUTO IN SUO GIOCA VOLPONE.
Ben: Jonson nel suo Volpone o The Fox. Una commedia in cinque atti e in versi e prosa, 1607, Londra. Tenuto da British Library, Shelfmark: C.12.e.17.

La parola “Padre” che il drammaturgo usa per rivolgersi al suo amico, suggerisce non solo la disparità nella loro età. Il fattore più importante é che implica una sorta di discepolato, e di un tributo notevole parlando di lui come “L’aiuto delle sue Muse“. Questa dedica implica che Florio ha svolto un ruolo fondamentale nella scrittura teatrale di Jonson che non è stata ancora del tutto indagata. È importante comprendere le modalità e le forme di questa influenza, e non dare a Florio il semplice ruolo di un ‘insegnante’ che forniva le sue “Muse” di banali informazioni sul folklore Italiano.

FLORIO & THOMAS THORPE

LA DEDICA DI THORPE A FLORIO

Thomas Thorpe, nel 1610, pubblicò una traduzione da Epictetus his Manuall. Dedicò quest’opera a Florio, ricordandogli che gli aveva procurato un mecenate per un precedente lavoro di Healey, His apprentises essay , e sperando che avrebbe fatto lo stesso con questo. Nelle tre dediche esistenti di Thorpe, oltre a quella a W. H., la prima è indirizzata a Florio, gli altri due al conte di Pembroke, mentre l’altro, alcuni anni prima, è indirizzato all’editore, Edward Blount. Abbiamo così la prova grazie a Thorpe che Florio gli procurò il patrocinato dei Pembroke. Fece lo stesso anche per John Healey. Florio si assicurò il patrocinio di William Herbert, III conte di Pembroke per The Discovery of a New World di Healey. Questo lavoro era una versione estremamente ironica e umoristica del “Latin Mundus Alter ed Idem”, una satira sull’Inghilterra.

FLORIO DIETRO I.H.

Per F. A. Yates, in alcuni punti della traduzione di Healey Florio stava probabilmente “guardando dietro le spalle di Healey mentre traduceva” 23 alludendo al fatto che molto probabilmente ha rivisto e curato l’opera. Inoltre, il fatto che Healey si sia firmato come Risoluto I. H. suggerisce che John Florio il “Risoluto” stesse scrivendo sotto il mantello di Healey. 24

FLORIO NEL “GOLDEN FLEECE” DI WILLIAM VAUGHAN

Un anno dopo la morte di Florio, nel 1626, il suo vecchio amico William Vaughan pubblicò tre volumi di memorie criptiche su eventi accaduti alla Corte di Giacomo e Anna. Golden Fleece è un assortimento di memorie della corte di Giacomo e Anna, raccontate in un linguaggio criptico. Ma dietro parole apparentemente apocrife, Vaughan racconta storie reali e pettegolezzi del periodo in cui Florio era a corte. Usa per la regina Anna lo pseudonimo Principessa Thalia mentre per Giacomo I Apollo. Quando si tratta di John Florio, però, Vaughan non ha problemi a darci il suo vero nome e alcune storie su di lui.

FLORIO VS HUGH BROUGHTON

Hugh Broughton, studioso divino e rabbino inglese, aspirava alla stessa posizione di Gentiluomo della camera reale privata. Ma la regina Anna scelse Florio non solo per il suo talento nella scrittura, le sue abilità diplomatiche e la sua fama tra gli studenti aristocratici, ma anche per la sua specifica conoscenza dell’Ebraico e della Bibbia. Geloso della prestigiosa posizione di Florio a corte, Broughton cercò di creare problemi quando scoprì che Florio era stato determinante nella produzione di alcuni versi che Vaughan definisce “una strana litania morale”, che fu pubblicata durante un compleanno reale. Di conseguenza, Florio dovette comparire davanti a Giacomo I per difendersi da questa accusa che fu intentata contro di lui, essendo stato accusato di essere sceso a una frivolezza di tono e ad una materia inadatta a una persona del suo peso. Braughton si considerava uno studioso superiore e più serio del “Novellista Italiano” e risentiva della sua nomina:

Hugh Broughton, un Divino molto preparato, e un linguista ammirevole, specialmente nella lingua ebraica e nella filosofia Caldaica, avendo per lungo tempo atteso di entrare nella corte di Apollo, e vedendo molte persone, che pensava fossero meno preparate di lui, o almeno, che lui fosse bravo quanto loro, felice di poter finalmente arrivare alla promozione, si dovette ricredere con gran malcontento; e soprattutto per quel Signor Florio, un nuovo arrivato alla corte di Parnasso, che era stato recentemente promosso per entrare nella camera privata reale della Principessa Talia, un luogo d’onore più adatto ad un Rabbino cabalista come lui che ad un Novellista Italiano;

William Vaughan

FLORIO, INTEPRETE DI SONETTI OSCENI

Per questo motivo, Broughton sperava di abbattere John Florio rivelando il suo coinvolgimento in questa produzione poetica. Florio è descritto come interprete di versi scurrili e osceni durante un compleanno reale. Vaughan, riferisce che Florio si difese dicendo:

 "Non è sconosciuto, O principe tra i  più illustri, sia per la vostra prudenza ineguagliabile, e tra tutti Politici il più discreto, che una scopa nuova scopa bene, che 
ogni Servo al suo primo intrattenimento in una Corte di una grande Signora, deve dimostrare il suo affetto verso di lei, come può e mai con convenienza, e studiare con tutti i mezzi possibili di dalle conforto: in un modo o nell'altro.
A tal fine ho inventato questa nuova litania, sapendo che alla mia graziosa Padrona piacciono molti i rapimenti di piacere, meglio delle regole gravi e austere degli Stoici".

Florio si difese sostenendo che a volte è necessario temperare la gravità con la leggerezza per soddisfare i gusti dei proprio allievi e mecenati. Ci sono diverse allussioni sessuali che Florio usava per fare le sue “scuse”. Egli, per esempio, si riferisce alla regina Anna come “La grande signora”. Questo getta luce sul livello di confidenza che Florio aveva con l’aristocrazia. Dopo la difesa di Florio, Apollo (Giacomo I) esordì in favore di Florio. Il capitolo si conclude con queste parole di re Giacomo:


C'è un tempo per scrivere cose serie ,
Un tempo per parlare di questioni piccole & vane,
Un tempo per camminare, per correre, per cavalcare,
Un tempo per sedersi e ridere, o condurre un ballo.
C'è un tempo per gli uomini di digiunare e pregare
E così c'è anche un tempo per cantare come gli uccelli nel mese di Maggio.

FLORIO & I SONETTI: L’IPOTESI DI FRANCES YATES & GIULIA HARDING

GIULIA HARDING

Questa storia naturalmente pone la domanda: di quale volume di versetti Florio fu responsabile? Vaughan non concede nulla in merito a questo. Si riferisce al volume di versi come ” una strana litania morale” durante un compleanno reale. La studiosa di Florio, Giulia Harding, ipotizza che l’unico volume di versi pubblicati durante un compleanno reale fu Shakes-peares Sonnets. Infatti, fu pubblicato esattamente il giorno del 43o compleanno di Re Giacomo, il 19 giugno 1609. Suggerisce che fu questa molto probabilmente la pubblicazione poetica di cui Vaughan stava parlando. 25Vaughan non scrive come Broughton lo scoprì, Harding propone che riconobbe il blocco tedesco personale di Florio che servì sia per l’ornamento della testata dei Saggi di Montaigne che per i sonetti dei 26 O molto più probabilmente attraverso pettegolezzi di Corte.

FRANCES YATES

La studiosa di Florio, Miss Yates, conferma questa tesi affermando che John Florio nel 1609 diede a Thomas Thorpe sia la sua traduzione The Discovery of a New World di Healey che la collezione di sonetti Shake-Speares, un’altra prova che fu coinvolto in questa Produzione:

Potrebbe essere interessante capire perché Thorpe fu così entusiasta di pubblicare materiale vecchio quell’anno. […]Eppure in quell’anno Thorpe dedicò a William Herbert, conte di Pembroke – via Florio – una satira tradotta, Healey’s Discovery of the new World, e ad un “Mr W.H.” i sonetti di William Shakespeare.

Yates, F. p. 291

FLORIO ASSUNTO DA WALSINGHAM

Secondo Vaughan, Florio fu anche assunto a corte da Giacomo I per le sue passate attività politiche. Inoltre, perché era un partigiano di Essex. Infatti, in un passaggio del Golden Fleence, Vaughan scrive che nella mitica corte di Apollo:

“Sapere quanto esemplare e utile sia servita la presenza di personaggi seri per bandire persone oscene (…)  assunse John Florio Decano della Camera Privata della Principessa Thalia, come ricompensa per il suo interesse e i suoi sforzi nell’arresto di Marianna.”


William Vaughan, The Golden Fleece, parte I, D4 – E3

La principessa Thalia è la regina Anna. Marianna è un riferimento a Mary Stuart e al complotto di Babington del 1586. Vaughan descrive Florio impiegato da Walsingham nel complotto di Babington. Il principale segretario della regina Elisabetta istituì un sistema in base al quale le lettere personali di Maria venivano portate dentro e fuori Chartley (la sua attuale residenza) nascoste in botti di birra. Walsingham, anche grazie all’aiuto di Florio, come suggerito da Vaughan, fu in grado di intercettare e decodificare la sua corrispondenza. Il codice relativamente semplice utilizzato da Mary fu rapidamente decifrato, e le traduzioni furono fornite per Elizabeth. Il complotto di Babington alla fine portò non solo all’esecuzione di Anthony Babington e dei suoi cospiratori, ma anche di Maria, regina di Scozia.

JOHN FLORIO A CORTE: DIVENTA NONNO E SI SPOSA PER LA SECONDA VOLTA.

FLORIO DIVENTA NONNO

Durante gli anni a corte Florio divenne nonno dai figli di sua figlia Aurelia. Lei si sposò con James Molins, un rinomato medico, e lavorò al suo fianco come ostetrica. I suoi due nipoti, nati nel 1605 e nel 1606, ricevettero entrambi regali dalla famiglia reale in occasione del loro battesimo.

Non c’è traccia della morte della sua prima moglie, Anna Soresollo. Ma certamente John Florio la perse durante i terribili anni di peste a Londra tra il 1592 e il 1593. Florio perse tristemente tutti i suoi figli, Aurelia fu la sua unica figlia sopravvissuta.

SECONDO MATRIMONIO

Florio si risposò nel 1617, all’età di 65 anni, con Rose Spicer. Lei lo aiutò e vegliò su di lui negli ultimi anni di vita, e nel suo testamento, si riferisce a lei con tenero affetto.

Il periodo che lo vide come gentiluomo della camera reale privata e segretario personale della Regina furono per Florio anni felici. Anna gli aveva promesso una pensione di 100 sterline l’anno fino alla morte. Ma quando la situazione finanziaria di re Giacomo peggiorò, queste pensioni della Corte non furono mai pagate. Molti fedeli vecchi cortigiani furono abbandonati alla povertà negli ultimi anni del suo regno. Nonostante non fosse ricco come lo era prima, Florio rimase attaccato a tutte le cose che un tempo appartenevano alla Regina. Anche dopo la sua morte, non li vendette mai. Florio, infatti, possedeva ancora i suoi regali quando scrisse il suo testamento, tra cui il suo set da scrivania di perle e dotato di porta inchiostro d’argento. Preziosi segni di affetto che non tentò mai di regalare. Un valore sentimentale per lui più importante di qualsiasi altra somma di denaro.

Come citare questa voce:

“Resolute John Florio”, “Groom of the Privy Chamber”, URL https://www.resolutejohnflorio.com/2019/09/19/groom-of-the-privy-chamber/

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta il 13 novembre 2019. È stato modificato l’ultima volta il 14 Gennaio 2020.

Note:
  1. Frye, S., Anne of Denmark and the Historical Contextualisation of Shakespeare and Fletcher’s Henry VIII, in Women and Politics in Early Modern England, 1450-1700, ed. James Daybell (Aldershot, England; Burlington, VT: Ashgate, 2004), p. 181
  2. Frances Yates, per esempio, nella biografia di John Florio la descrive come una “persona piuttosto stupida, piuttosto frivola”.
  3. R. Malcolm Smuts, Culture and Power in England, 1585-1685 (New York: St. Martin’s Press, 1999), p. 2.
  4. Yates, F., John Florio, cit., p. 247
  5. Field, J., Anna of Denmark: A Late Portrait by Paul Van Somer, The British Art Journal, 18, n.2, 2017. p. 6
  6. TNA: PRO, SC6/JASI/1648.
  7. “. Wade, Queen’s Courts, 56; CSPV, vol. 12, 162, n. 250.
  8. Yates, F., John Florio, cit., p. 251.
  9. SP 99/2/300
  10. Rutter, C. C., Hear the ambassadors: marking Shakespeare’s Venice connection, Shakespeare Survey n. 66, 2013.
  11. Ibidem
  12. TNA, SP 99/5/330
  13. TNA, SP 99/5/38
  14. Taylor, G., The Nex Oxford Shakespeare: Authorship Companion, (2017) p. 570
  15. I sei masques presentati dalla Regina sono, in ordine cronologico e con le date inclusive per le relative festività natalizie: The Vision of the Twelve Goddesses (1603-04); The Masque of Blackness (1604-05), The Masque of Beauty (1607-08), The Masque of Queens (1608-09); Tethys’ Festival (June 1610); and Love Freed from Ignorance and Folly (1610-11), Bevington, D., Holbrook, P., The Politics of the Stuart Court Masque, Cambridge University Press, 1998, p. 142
  16. R. Malcolm Smuts, Art and the Material Culture of Majesty in Early Stuart England, in Smuts, Stuart Court, p. 93
  17. Scarisbrick, Anne of Denmark’s Jewellery, p. 229
  18. ] Courtney, T., Politics and Culture at the Jacobean Court: The Role of Queen Anna of Denmark, Quidditas, 2008, p. 3
  19. Molino al Doge e al Senato, 27 gennaio 1605, CSP Venetian, n. 332, p. 213
  20. Barroll, L., Anna of Denmark, Queen of England: A Cultural Biography, 2001, University of Pennsylvania Press, p. 103
  21. Stoppes, C., The Life of Henry, Third Earl of Southampton: Shakespeare’s Patron, p. 296.
  22. Yates, F. A., John Florio, cit., p. 277
  23. Ivi, p. 288
  24. Ibidem
  25. Harding, G. Florio e i sonetti, http://www.shakespeareandflorio.net/index.php?option=com_docman&task=doc_download&gid=23&Itemid=27
  26. 1609, Shake-speares sonnets, edizione in quarto, Montaigne-0012Saggi di Montaigne, 1603, edizione in folio sonetti-tl

You may also like